Nesso causale in materia civile, regola probatoria, principio della probabilità prevalente (preponderanza dell’evidenza): lo standard di “certezza probabilistica” non può essere ancorato alla determinazione quantitativa – statistica delle frequenze di classi di eventi (probabilità quantitativa o pascaliana), ma deve essere verificato, in relazione agli elementi disponibili nel caso concreto, riconducendone il grado di fondatezza all’ambito degli elementi di conferma e verificando, nel contempo, l’esclusione di possibili elementi alternativi (probabilità logica o baconiana).

Cassazione civile sez. III, 15 maggio 2012, n. 7554 Il caso trae origine dal decesso, per epatite C, di una […]

Operatori sanitari: l’adozione di adeguati strumenti precauzionali per la prevenzione della già nota epatite B avrebbe impedito anche la trasmissione della non conosciuta epatite C. La Cassazione sez. lavoro ribadisce che sussiste responsabilità a partire dalla data di conoscenza dell’HBV anche per i contagi da HCV.

Il caso esaminato dalla Corte di Cassazione sezione lavoro nella recente sentenza n. 6562/2012 del 27/04/2012 riguarda il risarcimento del […]