Presidente:
Dott.ssa Angela Iacono

Fondazione Italiana
"Leonardo Giambrone" per la Guarigione
dalla Thalassemia

Via Savona, 39
81030 Castelvolturno (CE)

tel. 081 5094457 081 8396040
fax. 081 8396932
mail: fondazionethalass@libero.it

Codice Fiscale-92014280850

Area riservata

Visite

Note: Alcuni documenti pubblicati in questo sito sono in formato PDF.se avete difficoltà a visualizzarli e scaricarli dovete utilizzare Acrobat Reader Per qualsiasi difficoltà tecnica non esitate a contattare il webmaster a questo indirizzo mail: sgobbi.marco@gmail.com

Avvisi

Anche quest’anno sara’ possibile devolvere il 5 per mille della propria dichiarazione dei redditi alla “FONDAZIONE ITALIANA L. GIAMBRONE” PER LA GUARIGIONE DALLA THALASSEMIA ....fai un'atto d'amore e di generosità.........la pagina "sostienici" e' temporaneamente in manutenzione

Il Ministero della salute ha comunicato alle Regioni gli importi dei bimestri dell’indennizzo ex lege 210/92, calcolati sulla base di un tasso di inflazione programmato pari all’1%.

Gli importi sono i seguenti:

prima categoria € 1.710,98

seconda categoria € 1.684,79

terza categoria € 1.658,77

quarta categoria € 1.632,63

quinta categoria € 1.606,44

sesta categoria € 1.580,24

settima categoria € 1.554,10

ottava categoria € 1.527,90

Ringraziamo Enzo da Reggio Calabria per la segnalazione.

Avvocati Sabrina Cestari e Alberto Cappellaro

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

Con Ordinanza n. 2050/16, pubblicata il 3 febbraio 2016, le Sezioni Unite civili della Cassazione hanno deciso in ordine al regolamento preventivo di giurisdizione che era stato proposto nell’ambito di un giudizio pendente presso il TAR di Roma contro il Ministero della Salute. Le Sezioni Unite hanno così chiarito quale sia il giudice al quale i danneggiati possono e potranno rivolgersi per contestare la legittimità di un provvedimento di esclusione dalle transazioni e/o l’illegittimità delle norme sulla base delle quali tale provvedimento è stato adottato.

Le impugnazioni avverso il decreto moduli, ovvero il provvedimento che nel 2012 ha introdotto i c.d. “paletti” di accesso alle transazioni (decreto ministeriale 4 maggio 2012, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 162 del 13-7-2012 “Definizione dei moduli transattivi in applicazione dell’articolo 5 del decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze 28 aprile 2009, n. 132”), nonché quelle contro i provvedimenti di esclusione dalle transazioni medesime, devono essere proposte, in base all’Ordinanza delle Sezioni Unite, avanti al giudice amministrativo, in quanto, a parere delle stesse, la disciplina sulla base della quale il Ministero della salute si è “dato le regole” sulle transazioni non… Continua a leggere

Riportiamo integralmente l’articolo pubblicato sul proprio sito da Alberto Cappellaro in ordine al disomogeneo comportamento delle Regioni in relazione al pagamento degli arretrati relativi alla integrale rivalutazione dell’indennizzo ex lege 210/92. E’ possibile visionare e scaricare i le delibere e note regionali citate nell’articolo sui rispettivi siti dell‘Avvocato Alberto Cappellaro e dell’Avvocato Sabrina Cestari

Dott.ssa Angela Iacono  Avv.  Sabrina Cestari

Rivalutazione: arretrati, Regioni in ordine sparso

Le Regioni, dopo aver ricevuto la prima rata dei fondi stanziati con l’articolo 1, comma 186, della legge 23 dicembre 2014 n. 190 (legge di stabilità 2015), hanno iniziato a svolgere le attività preparatorie per poter procedere ai pagamenti. I predetti fondi dovranno essere utilizzati per il “pagamento degli arretrati della rivalutazione dell’indennità integrativa speciale … fino al 31 dicembre 2011”. Tali attività si stanno svolgendo con criteri tutt’altro che omogenei. Così ad esempio la Regione Puglia, con delibera della Giunta n. 2095 del 30 novembre 2015, ha stabilito di “destinare l’intera somma … attribuita alla Regione Puglia per il 2015 al pagamento …, in primo luogo, della somme spettanti, nell’anno 2012, per la rivalutazione della quota corrispondente all’I.I.S. ed, inoltre, di una quota percentuale del totale degli arretrati spettanti… Continua a leggere

Con sentenza pubblicata il 14 gennaio 2016, che qui alleghiamo nel testo francese, la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha deciso 19 ricorsi patrocinati da diversi Studi Legali.

Tali ricorsi promossi contro l’Italia da circa 900 soggetti danneggiati da sangue infetto riguardavano:

– il decreto moduli del 2012 ovvero quello che ha introdotto i “paletti” alle transazioni ex lege n. 244/2007;

– l’eccessiva durata delle transazioni (tra questi, uno patrocinato dal sottoscritto Alberto Cappellaro);

– l’eccessiva durata dei processi civili di risarcimento;

– la mancata tempestiva esecuzione di alcune sentenze di condanna al risarcimento dei danni.

Le questioni erano molte e complesse, nel presente commento ci soffermeremo, quindi, sui soli profili di carattere generale, che sono di interesse per tutti gli aspiranti alle transazioni e all’equa riparazione.

Di particolare rilievo erano le impugnazioni avverso al decreto moduli del 2012, i ricorrenti si dolevano per l’introduzione di criteri nuovi ed oltretutto non previsti nelle precedenti transazioni del 2003, criteri che precludevano l’accesso alle stesse in base alla prescrizione e/o all’anno di contagio.

I ricorrenti auspicavano, altresì, che la Corte garantisse ai danneggiati un trattamento economico analogo a quello riconosciuto agli emofilici nel 2003 ovvero almeno 400 mila euro ai… Continua a leggere

E’ MORTO GIUSEPPE MELE Addio Giuseppe!

La vita non ti ha mai concesso sconti……. hai affrontato problemi, complicanze, dolori sempre con il sorriso ed a testa alta.

Che le nostre preghiere ed il nostro affetto possano accompagnarti nel cammino verso la pace eterna.

Mai come nel tuo caso appare opportuno citare le belle parole che scrisse il grande poeta italiano Niccolò Ugo Foscolo: “Un uomo non muore mai se c’è qualcuno che lo ricorda”, noi ti ricorderemo per sempre.

Angela Iacono

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

Riporto integralmente l’articolo pubblicato sul proprio sito dal Collega Alberto Cappellaro in ordine ad alcune recenti sentenze della Corte di Cassazione sul risarcimento del danno da epatite post trasfusionale.

Avvocato Sabrina Cestari

Risarcimento: prescrizione, il punto della Cassazione

Con alcune recenti pronunce la Corte di Cassazione ha ribadito alcuni principi, ormai consolidati, sulla prescrizione del diritto al risarcimento del danno da epatite post-trasfusionale. Innanzi tutto, con sentenza n. 23641/15 la Corte ha confermato che la prescrizione può essere eccepita in modo del tutto generico, contestando semplicemente l’inerzia del titolare del diritto, senza necessità di individuare esattamente il termine applicabile o il momento della sua decorrenza. Con sentenze n. 23641/15 e n. 23635/15, la prima concernente una causa contro il Ministero della salute, la seconda contro una struttura ospedaliera, la Corte ha inoltre ribadito che la prescrizione, quinquennale nel primo caso e decennale nel secondo, decorre, al massimo, dal giorno della presentazione della domanda di indennizzo, esplicitamente definito “limite temporale ultimo”, mentre può decorrere anche da una data anteriore alla predetta domanda, qualora vi siano “altri elementi, anche presuntivi, che consentano di ritenere” che il danneggiato, “tenuto conto della diffusione delle conoscenze scientifiche, …. aveva acquisito o avrebbe potuto acquisire prima… Continua a leggere

Il Cofondatore Cataldo Giammusso, il Presidente Angela Iacono, il Coordinatore Scientifico Prof.ssa Adriana Ceci, il vice Presidente Franco Mansi, i Consiglieri Andrea Barra e Rocco Zizza ed il Comitato scientifico della Fondazione Italiana “Leonardo Giambrone” per la guarigione dalla Thalassemia, addolorati e commossi partecipano con estremo cordoglio al grave lutto che ha colpito la scorsa notte il Cofondatore Aldo Di Todaro e la moglie Rita per la perdita dell’adorato figlio Filippo.

Vorremmo che tutta la famiglia Talassemica Italiana si unisse a noi nel ricordare quanto dobbiamo ad Aldo Di Todaro, che è stato tra i pionieri italiani della lotta alla Thalassemia, perseguendo senza sosta l’obiettivo di una migliore qualità della vita e della guarigione.

E’ doveroso ricordare chi era Filippo, in modo particolare per me che ho avuto la fortuna di conoscerlo molto bene. Filippo aveva una forte personalità ed una nobiltà d’animo unica, soprattutto non amava le mezze misure, le ipocrisie e le piaggerie verbali. Era un uomo di grande dirittura morale, un medico dedito in maniera decisa ed univoca alla tutela, alla cura ed alla difesa del malato.

Nella sua vita privata e professionale è stato un esempio di rettitudine e generosità, purtroppo la vita non è stata… Continua a leggere

Nell’ambito dell’estensione dei servizi a disposizione dell’utente-Cittadino munito di PIN l’Inps ha comunicato con il messaggio n. 005694 del 14/09/2015 che nel Fascicolo Previdenziale del Cittadino è stata aggiunta una nuova area riservata all’Invalidità Civile. Partendo dal sito www.inps.it e selezionando Servizi per il cittadino – Fascicolo Previdenziale del Cittadino Invalidità Civile, il cittadino potrà conoscere, le informazioni relative alle domande di invalidità ed ai certificati medici introduttivi trasmessi all’Istituto.

Avvocato Sabrina Cestari

se ti e' piaciuto questo articolo condividilo

I Con due recenti sentenze, rese a Sezioni Unite e pubblicate il 22 luglio scorso, la Corte di cassazione si è pronunciata, in senso sfavorevole ai danneggiati, sul termine entro il quale deve essere domandato l’indennizzo nonché su quello per impugnare avanti al giudice ordinario l’eventuale rigetto dell’istanza. Con sentenza n. 15353/2015 la Corte ha ribadito che la domanda di indennizzo deve essere presentata entro tre anni dalla conoscenza del danno e che tale termine ha natura decadenziale, pertanto il suo mancato rispetto comporta la perdita definitiva ed irrevocabile del beneficio. La Cassazione ha ulteriormente stabilito che questo termine si applica a tutte le domande presentate dopo la sua introduzione, avvenuta con legge 25 luglio 1997, n. 238, entrata in vigore il 28 luglio 1997. Qualora però la conoscenza del danno sia anteriore rispetto al 28 luglio 1997, i tre anni decorrono da quest’ultima data. Se la conoscenza è invece posteriore all’introduzione del termine, l’istanza è ammissibile solo se inviata o protocollata entro tre anni dalla conoscenza del danno. Con sentenza n. 15687/2015, la Cassazione ha invece chiarito che il termine di un anno previsto dall’art. 5 comma 3 della legge 210/92 ha parimenti natura perentoria, questo significa che l’eventuale… Continua a leggere

A norma dell’art. 9, comma 1-bis, del d.p.r. 30 maggio 2002, n. 115 nelle controversie di assistenza obbligatoria (e quindi in tutte quelle concernenti l’indennizzo ex lege 210/92, incluse quelle nelle quali si chieda anche la sola rivalutazione integrale dell’indennizzo), sono obbligati a versare il contributo unificato soltanto coloro che, sulla base dell’ultima dichiarazione, sono titolari di un reddito imponibile, ai fini dell’imposta personale sul reddito, superiore a tre volte l’importo previsto dall’articolo 76 del medesimo decreto, articolo che fissa le condizioni reddituali per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato.
L’art. 77 del stesso decreto prevede l’adeguamento ogni due anni dei limiti di reddito in relazione alla variazione, accertata dall’Istituto nazionale di statistica, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, verificatesi nel biennio precedente

Tale importo viene stabilito con decreto del Ministro della giustizia.

Il precedente importo indicato nell’art. 76 citato, introdotto con decreto del 1 aprile 2014, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 169 del 23 luglio 2014, era pari a 11.369,24 euro: la soglia di esenzione, al di sopra della quale scattava quindi l’obbligo di versamento del contributo, era pari a € 34.107,72.

Con decreto del 7 maggio 2015, pubblicato in GU S.G.… Continua a leggere

Calendario pubblicazioni

febbraio: 2016
LMMGVSD
« Gen  
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
29 

DONA IL TUO 5 x 1000

C.F.92014280850

Fai una donazione !!

BANCA PROSSIMA

COORDINATE BANCARIE

IBAN 
IT76G0335901600100000108452

BIC         BCITITMX                          

Conto Corrente Postale

94827003

Artigianato Solidale !!!!

Sostieni l'associane acquistando i prodotti dell'artigianato solidale e tanti altri utilissimi articoli, visitate la pagina "sostienici" e troverete

delle bellissime sciarpe scaldacollo in lana, delle collane scaldacollo e scaldamani, tutto rigorosamente fatti a mano; ed inoltre troverete anche delle simpaticissime mattonelle decorative da regalare e degli originali sottopentole

Da “piccoli gesti” possono nascere “piccoli miracoli” e da “tanti piccoli miracoli “ può nascere un GRANDE miracolo. Anche tu puoi contribuire con un “piccolo gesto” ad un GRANDE miracolo: la guarigione di tanti bambini thalassemici ed il miglioramento della qualità della vita di tanti altri che bambini non sono più.

Acquista uno dei nostri prodotti artigianali e contribuirai al miracolo della vita.

Per ordini e informazioni contattate il nostro numero verde 800259021

Un Grande…………Gesto d’Amore

Commenti recenti

    L’avvocato risponde

    In questa sessione l'Avvocato Sabrina Cestari, patrocinante in Cassazione risponde alle vostre domande
    a tal fine compilate il modulo on-line.

    Il genetista risponde

    In questa sessione il Genetista Dott.ssa Santa Anna Acuto risponde alle vostre domande a tal fine compilate il modulo on-line.

    L’Ematologo risponde

    In questa sessione l’Ematologo/Thalassemiologo Prof. Aurelio Maggio risponde alle vostre domande a tal fine compilate il modulo on-line.

    L’Endocrinologo risponde

    In questa sessione l'Endocrinologo Dott. Domenico Serino risponde alle vostre domande a tal fine compilate il modulo on-line.

    L’esperto Scientifico risponde

    In questa sessione l'Esperto Scientifico Proff.ssa Adriana Ceci risponde alla vostre domende a tal fine compilate il modulo on-line.

    La Dott.ssa Iacono risponde

    In questa sessione la Dott.ssa Angela Iacono risponde alle vostre domande a tal fine compilate modulo on-line.